Centrifugazione

La CENTRIFUGAZIONE è una tecnologia produttiva utilizzata per la produzione di pali in materiale composito (vetroresina) a forma di tronco di cono (troncoconica) con lunghezza massima (solo per vincoli logistici) di 13,6 metri.

Il palo si ottiene inserendo in un apposito stampo rotante a cavità troncoconica i rinforzi (tessuti di vetro) che, grazie alla forza centrifuga impressa, si adagiano contro le pareti dello stampo prendendone la forma.
La matrice (resina), una volta introdotta all’interno dello stampo e dopo aver impregnato la fibra di vetro grazie all’elevata rotazione (centrifugazione) dello stampo stesso ed all’inclinazione naturale del manufatto data la sua forma, indurisce polimerizzando a contatto dello stampo opportunamente riscaldato.

I pali prodotti per centrifugazione posso avere spessore costante o differenziato, grazie alla possibilità di poter distribuire a piacere il rinforzo all’interno dello stampo. Si ottengono così pali troncoconici maggiormente rinforzati solo in determinate aree critiche per la specifica applicazione, senza aumentarne lo spessore, e quindi il peso, su tutta la lunghezza.
Le materie prime utilizzate appartengono alle stesse famiglie di quelle impiegate nella pultrusione: resine e rinforzi in fibra di vetro.

Questa tecnologia rende possibile la produzione di manufatti con alto grado di ripetibilità dimensionale e fisico-meccanica e trova ampio uso in applicazioni quali pali per illuminazione, sostegno di linee elettriche e telefoniche e per le linee aree.